Chi sono

25enne appassionata di libri, fumetti, serie tv e amante del “divaning” e del “bedding” (o al massimo di entrambi) conosce, svariati anni fa, ragazzo 30enne amante della corsa, dello sci, della fatica e del triathlon… tricosa???

Ragazza di cui sopra, innamoratasi all’istante del triathleta, decide di seguirlo in imprese eroiche fatte di: mute bucate (e riparate con il nastro adesivo), zone cambio (queste sconosciute) costruite con transenne provenienti dalla costruzione della chiesa del quartiere risalente all’inizio del secolo (scorso), bici di ogni genere (compresi vari cancelli riesumati dal garage della nonna) e da un branco di semi-pazzi come l’innamorato.

La poveretta scopre che tale attività, considerata dai più al limite della follia, è nientemeno che uno sport olimpico e, anche se gli amici quando nomina l’attività del fidanzato le chiedono se faccia cose come lanciare il giavellotto o sparare con la carabina, lei rimane fedele sostenitrice del compagno d’amore e d’avventura.

Talmente fedele che decide di sposarlo, non prima che lui abbia compiuto l’impresa di concludere il suo primo Ironman e lei gli abbia intimato di muoversi a finirlo se non voleva rischiare che cambiasse idea sul matrimonio.

Svariati anni sono passati, 22 gli Ironman di lui (con numerose imprese pazze in mezzo, tra cui lo Swissman e vari Embrunman e chissà cosa ci riserva il futuro), il triathlon è diventato popolare, il branco di semi pazzi di cui sopra si è infoltito. Ma la follia più grande è che la ragazza, cresciuta, invecchiata pure, si sia anche un po’ scocciata di aspettare e si sia data al triathlon pure lei… ovviamente a modo suo… in style.

Questo blog è la storia della sua passione per la triplice.

Caterina

P.S. nel frattempo, la ragazza cresciuta, continua anche a leggere come se non ci fosse un domani, produce cartoni animati per vivere e si occupa di due bassotti a pelo duro che le riempiono la vita (bedding e divaning quasi non sa più cosa siano).

15590371_10210094294329036_5948773448345499820_n