Donne e Ciclismo – Pantaloncino GSG Garnet

Anche l’altra metà del cielo va in bicicletta! E ha esigenze differenti dai ciclisti uomini. Arriva Garnet, il pantaloncino pensato per tutte noi, donne in sella.

Ho un bel ricordo del 1 Maggio del 2019. Sono uscita in bici, come del resto faccio in tutti i giorni liberi dal lavoro in cui il tempo è più o meno clemente (e anche quando non lo è a dire il vero)

Compressione senza sensazione di “strizzamento”

Insomma mentre salivo e scendevo dalle solite, amate, strade della mia Brianza (patria d’adozione ma non meno adorata di quella d’origine), ho notato tantissime donne in bicicletta. Le ho notate perché, finalmente, mi sento, dopo molti anni, non più tanto una mosca bianca. Le ho notate perché le donne in bicicletta (che sia una bici da corsa o un MTB) sono per me uno dei simboli di quel “femminismo sano” che ci vede entrare in mondi, tradizionalmente maschili, senza perdere la nostra identità.

Taglio al vivo per più comfort sulle cosce

E proprio per “vivere” quei mondi così tradizionalmente maschili, finalmente anche le aziende che creano prodotti per il ciclismo guardano a noi, l’universo delle cicliste.

Fondello comodissimo e studiato su anatomia femminile

Ho provato per un mese il pantaloncino Garnet di GSG e posso affermare, con serenità, di non aver mai sperimentato una sensazione di comfort come durante le ultime pedalate.

Mono-bretella da posizionare dietro il collo

Cominciamo dallo zero. Nel senso di zero sensazione di sfregamento, zero fastidio dato da cuciture sporgenti, zero irritazioni per elastici troppo stretti sulle cosce.

Garnet ha cuciture piatte, praticamente invisibili e soprattutto che non si “sentono”. La compressione sulle gambe, che è percepibile al momento di indossare il capo, diventa immediatamente confortevole e non c’è alcuna sensazione di “strozzamento” fastidioso.

La lycra a taglio vive sulle cosce non stringe in punti in cui noi donne proviamo un immediato fastidio (anche estetico) e non lascia segni di nessun genere sulle gambe. Inoltre anche con lo sforzo prolungato e il muscolo che si “gonfia”, la lycra rimane morbida e non fa l’effetto elastico sul salamino 😉.

Più ore in bici e meno stress

E poi il fondello pensato per l’anatomia femminile (e se posso permettermi pure fighissimo, con la grafica floreale) e la soluzione mono-bretella (per altro morbidissima) completano un capo di cui veramente non posso che dire meraviglie.

L’ho testato sia indoor che outdoor, per capirne la traspirabilità, è anche quella è davvero eccellente.

Test indoor… massima traspirabilità

Il pantaloncino perfetto per l’altra metà del cielo che pedala

Se volete lo potete acquistare online direttamente qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...