Hoka Challenger ATR 5 – All terrain for all runners

ATR… All Terrain…tutti i terreni: ce l’ha nel nome l’anima la Challenger di Hoka. Così si presenta, nella sua quinta versione sul mercato, la cosiddetta Clifton per il trail, come la definiscono i colleghi americani.

Allora quale migliore occasione se non provarla sui “terreni” milanesi degli intorni di via Ugo Bassi, a pochi minuti da Runaway, in una mattinata piovigginosa e grigia di una Milano che non intende, tuttavia, piegarsi ai rigori dell’inverno.

Runaway è un angolino di mondo confortevole per noi sportivi: un po’ negozio, un po’ caffè, un po’ luogo di incontro per nuove opportunità di training. Sono sicura che avrò modo di parlarne ancora, intanto, se siete da queste parti, fateci un salto, per bere un caffè e infilarvi un paio di scarpe da running. 

Runaway, via Ugo Bassi 22 a Milano: un nuovo punto di riferimento per i runner milanesi

Ma è tempo di Challenger ATR 5 e per provarla, noi, gruppo eterogeneo di runner, giornalisti, blogger, guidati dagli intrepidi ragazzi di Runaway prendiamo il ritmo sull’asfalto un po’ scivoloso di Milano, ci facciamo le prime accelerate sulla strada per provare la rullata dove l’effetto è più diretto e immediato, ci lanciamo un po’ più velocemente giù dai piccoli sentieri dei Giardini di Porta Venezia.

Pronti per il test di Challenger ATR 5

L’effetto della rullata risulta particolarmente evidente non appena si aumenta il ritmo: dal tacco l’energia cinetica viene chiaramente spostata verso l’avampiede, migliorando l’efficienza della corsa.

Non mi dilungherò sull’ammortizzazione perché è eccellente, come in tutti i modelli Hoka. L’intersuola qui è ridisegnata completamente. 

Prova su asfalto scivoloso

Aumentando la velocità sul terreno più accidentato e con il leggero saliscendi, apprezzo da vicino il migliorato disegno della suola. Mi è capitato di correre con la versione precedente (ATR4) ed è chiaro che le scanalature più profonde e i 4 mm di tacchetti extra sulla suola, posizionati sul tacco e in punta fanno il loro lavoro su questo nuovo modello. 

Scanalature più profonde e tacchetti sul tacco e sulla punta per un grip migliorato

Anche sui brevi traversi, sulle foglie e in accelerata, correndo sull’avampiede, il grip sulla punta è davvero buono e trasmette la sensazione di un piede stabile su cui far leva senza tentennamenti. 

Sorrisi e ritmo più sostenuto

Apprezzabile immediatamente anche la maggior leggerezza e traspirabilità, da questo punto di vista il miglioramento del nuovo modello è apprezzabile anche solo calzando la scarpa.

Leggerezza, ammortizzazione e grip: tre qualità della nuova Challenger

Al rientro esageriamo un po’ e rischiamo la pattinata sulle insidiose grate bagnate della metropolitana… qui neppure il grip migliorato può nulla.

Consigliata a chi ama percorsi misti, chi corre in parchi cittadini e non, a chi ama alternare l’asfalto a strade bianche, sentieri o corsa in boschi e campagne

Pronta per la prossima sfida


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...